Scoperta del sistema variabile UCAC4 383-155837

Questa è veramente grossa… una stella da record, per la sua magnitudine.

Ancora una stella variabile scoperta con gli inseparabili Alessandro Marchini e Riccardo Papinie l’uso remoto del telescopio dell’Osservatorio dell’Università di Siena.
Si tratta di UCAC4 383-155837, anche questo nella costellazione del Capricorno. E’ – a mio avviso – uno straordinario esempio di sistema ibrido tra due classi (la EA e la EB), in cui è difficile cogliere esattamente la tipologia. Se non fosse per la sua magnitudine, sarebbe assolutamente da tenere sotto controllo per seguine l’evoluzione. E chissà che magari qualcuno, nel tempo, non lo faccia.
Anche in questo caso, il censimento è avvenuto grazie ai dati del CRTS, che hanno permesso di affinare il periodo. E ancora, anche in questo caso la banda è CV e non V.
L’effemeride è la seguente:
Epoca: 2457202.5222
Periodo: 0.437581 d
Le magnitudini CV del sistema sono: 16.25 CV al massimo, 16.70 al minimo.
Di seguito il link al VSX:

MK-C 12″ f/5.6 + GM-2000 + STL-6303

Location: Siena

Pubblicato in Astronomy, Variable stars.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.